Logo del Comune di Iglesias

Comune di Iglesias

 
 

"Reddito d'inclusione sociale - Agiudu torrau"

 

La Regione Autonoma della Sardegna ha istituito con L.R. n° 18 del 2 agosto 2016, il REIS, Reddito di Inclusione Sociale, un contributo economico in favore di famiglie in condizione di difficoltà economica quale strumento utile alla composizione dei diritti sociali fondamentali e inderogabili dei cittadini. Con la misura regionale REIS, la Regione Sardegna intende assicurare il coordinamento con gli altri interventi previsti da norme nazionali ed europee, volti a contrastare la povertà e l’esclusione sociale, come previsto dall’art. 6 della L.R. n. 18/2016.

Possono accedere al REIS i nuclei familiari, anche unipersonali, comprese le famiglie di fatto conviventi da almeno sei mesi, di cui almeno un componente sia residente da un periodo non inferiore di ventiquattro mesi nel territorio regionale. Si prescinde dal requisito della residenza protratta per ventiquattro mesi per gli emigrati di ritorno e per i loro nuclei familiari (L.R. N° 18/2016 art. 3 comma 3 “Requisiti e condizioni di accesso” e ss.mm.ii).

 

Inoltre, il nucleo familiare deve essere in possesso dei seguenti requisiti:

 

• un indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) inferiore a euro 9.360; • un valore del patrimonio immobiliare, come definito a fini ISEE, diverso dalla casa di abitazione, non superiore alla soglia di euro 35.000;

• un valore del patrimonio mobiliare, come definito a fini ISEE non superiore a una soglia di euro 8.000, accresciuta di euro 2.000 per ogni componente il nucleo familiare successivo al primo, fino ad un massimo di euro 12.000, incrementato di ulteriori euro 1.000 per ogni figlio successivo al secondo; i predetti massimali sono ulteriormente incrementati di euro 5.000 per ogni componente con disabilità e di euro 7.500 per ogni componente in condizione di disabilità grave o non autosufficienza.

• non possedere autoveicoli e/o motoveicoli immatricolati la prima volta nei 24 mesi antecedenti la richiesta (sono esclusi gli autoveicoli e i motoveicoli per cui è prevista un’agevolazione fiscale in favore di persone con disabilità);

• non possedere imbarcazioni da diporto

 

Il decreto legge 28 gennaio 2019, n. 4, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 marzo 2019, n. 26, all’art.1, comma 1, ha istituito il reddito di cittadinanza (Rdc) e abrogato il Reddito di inclusione (REI). Al fine di accordare i due strumenti, quello nazionale (Rdc) e quello regionale (REIS) è stabilito che:

 

1. il Rdc e il REIS sono incompatibili: pertanto, il soggetto che percepisce il Rdc non può accedere al REIS.

2. l’istanza per il REIS è inammissibile se sussiste anche solo una delle seguenti condizioni:

    a. il richiedente, pur avendo i requisiti per l'accesso al Rdc, non abbia presentato domanda;

    b. il richiedente è stato ammesso al Rdc.

 

L’inclusione attiva costituisce il fulcro del REIS. Nello spirito della legge, infatti, il REIS consiste in un patto tra i Servizi e il beneficiario, esteso all’intero nucleo familiare, che prevede la partecipazione ad un percorso finalizzato all’emancipazione dell’individuo affinché egli sia in seguito in grado di adoperarsi per garantire a se stesso e alla propria famiglia un’esistenza dignitosa e un’autosufficienza economica”.

Lo svolgimento di un progetto di inclusione attiva rappresenta la condizione per l’erogazione del sussidio economico ed è definito a fronte dei reali bisogni delle famiglie attraverso la loro presa in carico professionale.

 

Per informazioni rivolgersi all’Ufficio di Servizio Sociale del Comune di residenza.

Ultimo aggiornamento: 04/01/2017 11:33